Lupus: scoperto il batterio intestinale che provoca la malattia autoimmune

lupus

Scoperto il batterio che provoca il lupus

L’azione dell’Enterococcus gallinarum può rappresentare il fattore scatenante di questa patologia

  • di Milena Castigli

Può un batterio intestinale causare o aggravare una malattia autoimmune? La risposta è sì. A scoprirlo, è stato un gruppo di ricercatori della Yale School of Medicine a New Haven che ne hanno parlato in un articolo comparso su Science.

Ti potrebbe interessare anche Hanno scoperto che il 99% del DNA dei microbi che circola nel sangue umano è di origine sconosciuta

Malattie autoimmuni

Vi sono almeno 80 tipi di malattie autoimmuni, vale a dire quelll’alterazione del sistema immunitario che dà origine a risposte immuni anomale o autoimmuni, cioè dirette contro componenti dell’organismo umano in grado di determinare un’alterazione funzionale o anatomica del distretto colpito.

Il batterio E.Gallinarum

Nello studio in questione, i ricercatori hanno scoperto che uno specifico batterio intestinale, l‘Enterococcus gallinarum – un enterococco molto raro – può innescare o aggravare malattie quali il lupus eritematoso sistemico o patologie epatiche autoimmuni. Il lupus è una malattia multifattoriale, al cui insorgere concorrono cioè svariati fattori, ma l’azione del batterio l’Enterococcus gallinarium può rappresentare il fattore scatenante di questa patologia.

Ti potrebbe interessare anche Medico salva bimba affetta da rara malattia con un antibiotico: è la prima volta al mondo

Martin A. Kriegel e colleghi hanno infatti visto che E. gallinarum era spesso presente nella flora intestinale di pazienti con lupus e, dopo successivi approfondimenti, anche nel fegato causando una forte infiammazione.

Antibiotico

Nei topi la reazione autoimmune può essere soppressa con la somministrazione di un antibiotico: “Quando abbiamo bloccato la via biochimica che portava all’infiammazione, abbiamo potuto invertire l’effetto di questo parassita sul sistema immunitario”, ha spiegato Kriegel si Science. Ora i ricercatori puntano a capire in che modo il batterio riesca a superare la barriera intestinale così rapidamente.

Fonte: In Terris

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com