Catturato il boss Marco di Lauro: le immagini dell’arresto -VIDEO

marco di lauro

Arrestato Marco di Lauro, superlatitante di camorra, figlio del boss di Scampia Paolo – di Ciro Pellegrino

Il boss della camorra, Marco Di Lauro, alias F4, è stato arrestato a Napoli dalla Polizia di Stato . È l’ultimo dei figli di Paolo Di Lauro, protagonista della faida di Scampia, ancora libero.

Era latitante da 14 anni. Nessuna tregua ai criminali”. Lo dice il ministro dell’Interno Matteo Salvini, riferendosi all’arresto del ricercato.

Di Lauro si nascondeva in un appartamento nel quartiere di Chiaiano, periferia nord di Napoli. Alla vista delle forze dell’ordine non ha opposto resistenza.

l boss della camorra, Marco Di Lauro, è stato arrestato a Napoli in una azione congiunta tra polizia e carabinieri. La notizia è confermata a fanpage.it dalla questura.

Marco di Lauro, alias F4, è l’ultimo dei figli di Paolo Di Lauro, protagonista della faida di Scampia, ancora libero.

Era in fuga da 14 anni e considerato insieme a Matteo Messina Denaro, superboss di Cosa Nostra, uno dei latitanti più pericolosi in giro in Italia.

Di Lauro, residente a Scampia, era sparito nel nulla ma deve scontare 10 anni per associazione camorristica e droga.

Le ricerche internazionali su Marco di Lauro

Deve pagare anche per l’omicidio dell’innocente Attilio Romanò, ucciso per errore nel gennaio del 2005 durante la prima faida di Scampia.

Nel 2006 erano state diramate le ricerche in campo internazionale, ipotizzando che il giovane, classe 1980, fosse riuscito a uscire dal Paese e rifugiarsi all’estero.

Di Lauro si nascondeva in un appartamento in via Scaglione 424 nel quartiere di Chiaiano, periferia nord di Napoli. Alla vista delle forze dell’ordine non ha opposto resistenza.

Ti potrebbe interessare anche: Conto del carcere da 2 milioni per Totò Riina: ecco chi dovrà pagare

All’uscita dal nascondiglio il boss è stato insultato dalle persone richiamate sul luogo dalla ressa di agenti. Applausi invece agli autori dell’arresto in Questura.

“Marco Di Lauro non era armato e non ha opposto resistenza”. Lo ha raccontato il questore di Napoli, Antonio De Jesu, che è sceso dai suoi uffici al secondo piano di via Medina per accogliere i suoi uomini che, insieme all’Arma dei Carabinieri, hanno condotto l’operazione nel pomeriggio di oggi.

Soddisfatto anche il comandante provinciale dei Carabinieri di Napoli, colonnello Ubaldo Del Monaco, che ha evidenziato che l’azione si è svolta sotto il coordinamento della Dda di Napoli guidata dal procuratore Melillo.

Da tempo sulle sue tracce

Gli investigatori erano da tempo sulle tracce di F4 Marco Di Lauro: ogni volta si trovavano a stanare dei rifugi trovati ancora “caldi”, ovvero da poco utilizzati dal superlatitante che evidentemente, fiutato il pericolo, andava via, forse contando su una forte rete di connivenze.

“Catturato il superlatitante Di camorra Marco Di Lauro, grazie a un’operazione congiunta di polizia e carabinieri. Complimenti alle forze dell’ordine, che dopo l’arresto Di un terrorista algerino dell’Isis mettono a segno un’altra operazione importantissima. Nessuna tregua ai criminali. Complimenti alla Polizia di Stato, ai Carabinieri e alla magistratura per l’arresto del latitante Marco Di Lauro. La lotta alla camorra è al centro dell’azione dello Stato nella nostra città”.  Queste le parole del sindaco di Napoli, Luigi de Magistris.

Durante la prima faida di Scampia, quella tra il clan Di Lauro e gli Scissionisti (i cosiddetti ‘spagnoli’), vicenda divenuta fulcro anche di vicende cinematografiche come i vari film Gomorra e serie televisive, furono arrestati il padre di Marco, ovvero il superboss Paolo di Lauro, alias ciruzzo ‘o milionario e il fratello, vice del boss, Cosimo Di Lauro.

Fonte: fanpage.it – Titolo originale: Arrestato Marco di Lauro, superlatitante di camorra, figlio del boss di Scampia Paolo

Pietro Di Martino

Imprenditore e appassionato di informazione; cerco umilmente di dare il mio contributo riportando notizie senza alcuna connotazione politica e/o dettata da interessi che possano condizionare e confondere il lettore.
E-mail: pietrodimartino44@gmail.com