Antidolorifici fanno più morti di eroina e metadone e i produttori incassano

26108
antidolorifici

L’abuso di oppiodi spaventa anche la Francia: prima causa di morte da overdose – Il numero di ricoveri legati all’uso di potenti antidolorifici è triplicato tra il 2000 e il 2017 con una crescita del 167% e un aumento delle vittime tra il 2000 e il 2015 pari al 146%

Non ha certo raggiunto il livello degli Stati Uniti, ma anche la Francia ha un problema sempre più grande con l’abuso di oppioidi come codeina, tramadolo e OxyContin.

Secondo un rapporto pubblicato il 20 febbraio dall’Ansm, l’Agenzia nazionale che valuta la sicurezza dei farmaci, il numero di ricoveri legati all’uso di potenti antidolorifici è triplicato tra il 2000 e il 2017 con una crescita del 167 per cento e un aumento delle vittime tra il 2000 e il 2015 pari al 146 per cento.

Ti potrebbe interessare anche  Ecco cosa succede ai vestiti quando inseriamo un’aspirina nella lavatrice

L’abuso di antidolorifici oppioidi spaventa la Francia

Prima causa di morte da overdose. Come riportato dal Monde, nel 2015 circa dieci milioni di francesi hanno assunto un oppioide.

L’abuso di questi farmaci causa tra le 200 e le 800 vittime all’anno, costituendo così la prima causa di morte per overdose in Francia. L’overdose da eroina, ad esempio, ha ucciso 90 persone nel 2016, il metadone 140.

«L’eroina dell’uomo comune». Pierre Chappard, presidente dell’associazione PsychoActif, ha definito ad esempio codeina e tramadolo «l’eroina dell’uomo comune».

Sottolineando l’importanza degli analgesici per trattare il dolore, l’Ansm ha sottolineato il rischio di dipendenza, diventato ormai una «delle preoccupazioni principali delle autorità sanitarie».

La prescrizione di questi farmaci in Francia è molto controllata e per questo il paese è ancora lontano dai numeri americani, dove si contano un centinaio di morti al giorno.

Nonostante questo, la situazione comincia a diventare preoccupante. Soprattutto Oltralpe si abusa della morfina come vero e proprio sostituto di altre droghe. Ed è proprio a questa piaga, e a come combatterla, che Tempi ha dedicato il suo numero di febbraio. Fonte Tempi