2019, anno del turismo lento: ecco le mete più ambite d’Italia

196
percorsi

2019, anno del turismo lento: 5 percorsi nella natura da non perdere – da Soluzioni Bio

Il 2019, “Anno del turismo lento”, è un ulteriore occasione per valorizzare i territori italiani meno conosciuti dal turismo internazionale, e rilanciarli così in chiave sostenibile, favorendo esperienze di viaggio innovative, dai treni storici ad alta panoramicità, agli itinerari culturali, ai cammini, alle ciclovie, ai viaggi a cavallo.

E per i turisti, un modo alternativo di viaggiare, tra cultura, tradizioni, antichi sapori. Una regione che quest’anno, col turismo lento, farà la parte del gigante, è sicuramente l’Abruzzo.

Transiberiana d’Italia. Non può di certo mancare uno dei viaggi sui treni storici più belli d’Italia. Una ferrovia di montagna attraversa gli splendidi paesaggi del Parco Nazionale della Majella e degli Altipiani Maggiori d’Abruzzo.

Altri favolosi percorsi

Cammino nelle Terre mutate. Da Fabriano all’Aquila passando per Amatrice, Castelluccio e i luoghi devastati dai terremoti degli ultimi anni. Città e cittadine che però hanno rialzato la testa e vogliono ricominciare a vivere.

Questo percorso, che attraversa quattro regioni, si è svolto per la prima volta a luglio dello scorso anno, ma aspira a diventare una vera e propria strada percorribile da tutti.

Cammino dei briganti. Ben 100 km di cammino, tra gli 800 e i 1300 metri, attraversando paesi medievali e natura selvaggia, tra Abruzzo e Lazio.

Il Cammino dei Briganti ripercorre le orme della Banda di Cartore tra la Val de Varri, la Valle del Salto e le pendici del Monte Velino. Una meraviglia che ti cambierà la vita!

I castelli e le fortezze. Alcuni territori, come l’Abruzzo, furono assoggettati a differenti dominazioni straniere, le quali imposero il loro controllo attraverso la realizzazione di castelli, rocche e fortezze, affidati ai feudatari del posto, che in quelle strutture ponevano la loro residenza.

Una zona, quella nel cuore d’Abruzzo, dove un percorso unisce almeno 10 castelli con le loro diverse particolarità. In scenari di natura incontaminata.

Il fiume e i suoi racconti. Sempre in Abruzzo, seguendo il fiume Aterno, percorrerete la parte interna di questa straordinaria regione.

Boschi, mulini ancora attivi, piccoli borghi dove il fiume entra a far parte della vita della piccola comunità.

Se scegliete il percorso del fiume, adatto anche ad escursionisti con bambini e a famiglie, a giugno, a Fontecchio, troverete la “festa del fiume”. Fonte Soluzioni Bio