Neonato violentato da un 25enne: adesso lotta tra la vita e la morte

neonato

A 25 anni violenta un neonato di due settimane: il piccolo lotta tra la vita e la morte – di I.A.

Un neonato di due settimane è stato ricoverato nel reparto di terapia intensiva pediatrica di Belfast con numerose ferite dopo essere stato violentato.

Un ragazzo di 25 anni è stato arrestato con l’accusa di violenza sessuale e lesioni personali. Rabbia sui social: “Ci vuole la pena capitale”.

Ha stuprato un bambino di sole due settimane di vita un ragazzo di 25 anni dell’Irlanda del Nord, arrestato con l’accusa di violenza sessuale e lesioni personali.

Indignazione per la violenza sul neonato

Il caso ha suscitato indignazione oltremanica e ben presto ha attirato l’attenzione della stampa internazionale.

I fatti risalgono allo scorso 29 settembre e si sono verificati in un appartamento del villaggio di Annalong, affacciato sul mare e ai piedi delle montagne Mourne.

Il giovane dovrà comparire davanti al giudice il prossimo 10 ottobre. Nel carcere dove si trova attualmente è stato trasferito in una cella isolata dopo che gli altri detenuti hanno provato ad aggredirlo.

**THINK BEFORE YOU COMMENT ON THIS!** I have already deleted several comments which contain threats and others which…

Posted by PSNI Newry & Mourne on Friday, October 5, 2018

Intanto, la piccola vittima della violenza, di cui non è stato reso il nome, è ricoverato per le gravi ferite riportate al Royal Belfast Hospital, dove si trova nel reparto di terapia intensiva pediatrica. Non si sa che tipo di rapporto o parentela ci fosse tra l’uomo e il neonato.

“Purtroppo per questioni legate alla privacy non possiamo dare alcuna informazione”

ha detto un portavoce dell’ospedale, mentre sui social network è esplosa la protesta dei cittadini del paese irlandese, che hanno chiamato “pervertito” il 25enne, invocando per lui la pena capitale e pregando per la famiglia del bambino violentato.

La polizia locale ha anche provveduto alla cancellazione di alcuni commenti considerati inappropriati:

“La giustizia non potrà il suo corso se si perde il controllo delle notizie, anche false, che vengono pubblicate sui social network”. Fonte: Fanpage

Denise Baldi

Chimica appassionata di rimedi naturali e tutto quello che riguarda la salute in generale. Interessata ai metodi educativi dolci che lasciano libertà al bambino. Amante della cucina.
Fare buona informazione è il suo scopo primario.
E-mail: baldidenise1982@gmail.com